RICHIESTA BONUS DISAGI CALDICIDIO SUI TRENI

bannerino-home

QUESTIONARIO ANGELI DEL RICICLO 2015


Cerca nel sito

Top Video - Capitan Ventosa

Get the Flash Player To see this player.

Consumatori Network

bottone_sportellinrete
bottone_cittadinidigitali
bottone_alcoliceberg

argaiv1487

costo-benzina-diesel-5 Se il petrolio greggio costasse zero euro al barile, gli automobilisti italiani pagherebbero comunque 1,2 euro per un litro di benzina e 1,05 euro per un litro di gasolo. E’ il risultato che emerge da un’indagine svolta dalla Faib Confesercenti che dimostra l’assurdità dei costi troppo elevati che si concentrano su un litro di carburante. A quelli di raffinazione, stoccaggio e distribuzione vanno aggiunte le accise e l’Iva, che da sole coprono il 63 e il 60% medio dei prodotti petroliferi. Se lo Stato non interviene non possiamo aspettarci prezzi più bassi.
L’indagine dimostra come dalla riduzione del costo del greggio nessuno si può attendere una riduzione percentuale di pari importo sui prezzi alla pompa, vista l’incomprimibilità di alcune voci. La parte variabile è esclusivamente quella legata al prezzo d’acquisto della materia prima che copre appena il 21% della benzina e il 25% del gasolio e in quota parte al margine lordo che in ogni caso non supera ad oggi il 13% medio.
Secondo Faib Confesercenti, considerando le varie offerte sul mercato e i prezzi praticati in modalità self, il prezzo industriale in Italia risulta in linea con il prezzo medio dell’UE, e in qualche caso più basso.
Negli ultimi 3 mesi, da giugno ad agosto, la quotazione del greggio è passata da € 0,344 a circa € 0,280, con una diminuzione del 20% nei tre mesi, mentre il prezzo medio alla pompa è passato da € 1,623 /lt a 1,568 /lt per la benzina, con un calo del 4%, e per il gasolio siamo passati da 1.504 lt a 1,399 lt con un calo del 7 %.
“Gli italiani hanno ragione quando sostengono che a variazioni in diminuzione del greggio non corrisponde la stessa percentuale in diminuzione alla pompa, ma sino a quando lo Stato non interviene sulle accise rendendole flessibili come le quotazioni della materia prima, questo non potrà mai accadere e i consumatori italiani se ne dovranno fare una ragione”.
Fonte: HelpConsumatori
“C’è spazio per significativi e sostanziosi e immediati ribassi tariffari in tutta Italia”: è quanto affermano Federcarrozzieri, Associazione familiari vittime della strada e Assoutenti che hanno firmato una nota congiunta in cui denunciano il comportamento delle compagnie assicuratrici che, di fronte agli ultimi emendamenti al ddl concorrenza, hanno minacciato rincari delle polizze rc auto.
rc autoNel ddl concorrenza la Commissione Finanza e Attività produttive ha detto sì al carrozziere di fiducia e alle tabelle di Milano. Nelle ultime modifiche al ddl in campo rc auto c’è infatti un emendamento che dichiara: «Resta ferma la facoltà per l’assicurato di ottenere l’integrale risarcimento per la riparazione a regola d’arte del veicolo danneggiato avvalendosi di imprese di autoriparazione di propria fiducia», dunque non si parla più di carrozzerie convenzionate con le Assicurazioni. “Questa modifica insieme alla conferma da parte della Commissione di ritenere validi i valori delle Tabelle di Milano per il risarcimento dei danneggiati, ha fatto indispettire le Compagnie Assicurative che ora annunciano rincari e tagli sui risarcimenti”, spiegano Federcarrozzieri, Associazione Familiari Vittime della Strada e Assoutenti. Che aggiungono: “La posizione delle Compagnie Assicurative stupisce: mentre il Paese ha timidi segnali di ripresa dopo una lunga recessione, le Assicurazioni sfondano il muro dei due miliardi di euro di profitti nel solo ramo Rc auto nel 2014 e oltre sei miliardi negli ultimi tre anni.

Leggi tutto...

Quanto incide il condizionatore sul consumo annuo di energia? E quanto pesa in bolletta? Se si usa un sistema d’aria condizionata per fronteggiare il caldo bisogna tenere d’occhio la bolletta sapendo quanto pesa l’uso del condizionatore sui consumi energetici. Questo infatti può incidere fino a quasi il 10% del totale dell’energia consumata in un anno e può costare dai 56 euro ai 93 euro l’anno in base alla regione, all’uso, al regime dei prezzi.

aria condizionataI dati vengono da SosTariffe.it che ha cercato di capire qual è stato l’impatto del condizionatore sui consumi di energia del 2013 e del 2014 e ha effettuato una proiezione di quanto inciderà nell’estate 2015. L’incidenza è stata calcolata tanto per un condizionatore di classe energetica superiore (A++) che per uno di classe inferiore (G). Calcolati anche la spesa in bolletta per utilizzare il condizionatore e quanto si risparmia se si sottoscrive un’offerta del mercato libero.

Nell’estate 2013 i consumi imputabili all’uso del condizionatore variano da un impatto bassissimo in Molise (meno dell’1%) a circa il 9% dell’Umbria. A parte la Basilicata, dove l’incidenza è stata dell’1,3%, nelle altre regioni italiane le percentuali di consumi destinati all’aria condizionata

Leggi tutto...

Angeli del Riciclo è un progetto di volontariato in collaborazione tra Amiu Genova S.p.A. e l'Istituto Ligure per il Consumo; scopo dell'iniziativa è quello di promuovere la raccolta differenziata, con particolare riferimento alla raccolta dell'umido, il riciclo dei diversi materiali, l’educazione ambientale per mantenere la qualità del territorio cittadino, attraverso una capillare informazione rivolta ai cittadini ed alle famiglie

 

-Gli Angeli del Riciclo sono volontari impegnati sul territorio con il compito di fornire informazioni ai cittadini direttamente per le strade e i luoghi di aggregazione, fornendo utili consigli alla popolazione sulla raccolta differenziata, il riciclo e la riduzione dei rifiuti

 

ATTIVITA'

Il progetto sperimentale è stato realizzato nei quartieri del Ponente di Genova (dove è già attivo il servizio di raccolta dell’umido), preliminare alla successiva estensione alle altre zone della città coinvolte nell’estensione della raccolta differenziata dell’umido

L'attività operativa è stata preceduta da un corso specifico di formazione di due giornate svolte nelle date del 11/12/2014 e del 19/12/2014rivolti agli Angeli del Riciclo ed ai volontari individuati dalle Associazioni dei Consumatori aderenti al progetto,con moduli formativi teorici e pratici tenuti da responsabili Amiu; in aggiunta è stata organizzata il 29/01/2015 una visita guidata all'impianto di raccolta Amiu di Bolzaneto ed alla Fabbrica del Riciclo presso Campi.

Terminata la fase formativa, si è quindi proceduto ad elaborare un calendario finalizzato a garantire la presenza degli Angeli del Riciclo sul territorio dal 02/02/2015 al 27/03/2015; sono stati quindi individuati da Amiu e da ILC i propri referenti con il compito di coordinare le attività dei volontari con i servizi operativi Amiu

L’iniziativa Angeli del Riciclo è stata supportata da adeguata attività di comunicazione – nell’ambito degli strumenti previsti dalla campagna “Questo non è un rifiuto” - in collaborazione con i Municipi di Ponente e Medio Ponente; in particolare si evidenziano la conferenza stampa svolta il 12/02/2015 presso il Municipio del Ponente a Pegli, i costanti articoli e le notizie pubblicate sul sito e sulla Newsletter “Consumatori Liguria”, oltre alla consistente campagna

informativa presso gli sportelli delle Associazioni dei Consumatori presenti sul territorio di Genova.

In ordine alla fase operativa, questa si è svolta per due mesi da febbraio a marzo 2015 con un impegno quotidiano sul territorio nei quartieri di Pegli, Prà, Voltri, Sestri Ponente, attraverso presidi degli Angeli del Riciclo e dei volontari delle Associazioni dei consumatori nelle vie e nei quartieri sopraindicati, nei mercati rionali e nei punti di aggregazione; i suddetti volontari sono stati equipaggiati di appositi giubbotti recanti i simboli e loghi caratterizzanti l'iniziativa in modo da essere facilmente individuati dai cittadini.

-Per raggiungere le finalità previste dal Progetto, si è rilevata fondamentale la diffusione del questionario, elaborato da Amiu e da Ilc, rivolto alla cittadinanza per individuare le abitudini ed il grado di informazione degli utenti in merito alla raccolta differenziata dei rifiuti, in aggiunta alla distribuzione dell'apposito materiale informativo predisposto da Amiu.

 

LEGGI TUTTO E GUARDA I RISULTATI DEL SONDAGGIO

Newsletter

Attraverso questo modulo è possibile iscriversi
alla newsletter quindicinale dei consumatori

L'iniziativa è parte integrante del progetto INFORMA CONSUMATORI LIGURIA e rientra nel programma generale di intervento 2009/2010
della Regione Liguria realizzato con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Registro Stampa n°17/05 del 21/10/2005 Autorizzazione del Tribunale di Genova

Realizzazione AntMedia - Informativa Privacy