, ,

Morosità in bolletta? Io pago il giusto! Al via la raccolta firme

Dopo la decisione di ARERA (l’autorità regolatrice di energia, acqua, gas e rifiuti) di socializzare le perdite dovute a morosità a danno dei consumatori e a favore della Pubblica Amministrazione e delle imprese che non pagano, è partita l’iniziativa di Rete Consumatori Italia, di cui fanno parte insieme a Codici anche Assoutenti e Casa del Consumatore: nasce il Comitato Nazionale IO PAGO IL GIUSTO e la raccolta firme per chiedere la modifica della legislazione che regola gli oneri di sistema in bolletta.

“Non si può chiedere ai cittadini di pagare i debiti degli altri” dichiara Furio Truzzi, Presidente di Assoutenti.

“Sui famosi 35 euro in bolletta sono state dette tante cose e non ci preoccupano le bufale dei 35 euro in più in bolletta ci preoccupa che ARERA abbia passato ogni limite di imparzialità e credibilità nella tutela degli utenti” spiega Giovanni Ferrari, Presidente di Casa del Consumatore.

Nascondendosi dietro il paravento di sentenze dei TAR e del Consiglio di Stato, l’Autorità ha deciso di scaricare sul cliente finale i costi degli oneri di sistema della morosità.

Il Comitato intende avviare una raccolta di firme da presentare al nuovo Governo e al Parlamento affinché vengano eliminati gli oneri di sistema dalle bollette, l’iva sulle accise e qualsiasi addebito della morosità di altri palese o occulta riducendo i costi di almeno il 20%.

Anche se tutto questo, per i tempi tecnici, non avverrà prima del 2019 bisogna superare lo spirito di sigla e le iniziative individuali e costituire subito un UNICO COMITATO NAZIONALE  “ Io pago il giusto” che raccogliendo la rabbia dei consumatori  coordini l’azione e sia in grado di opporsi efficacemente a questa decisione.

Il neo comitato interverrà immediatamente sulla consultazione pubblica dell’Autorità inviando all’indirizzo mercati-retail@arera.it una mail dei consumatori con il seguente testo “Basta con provvedimenti ingiusti, nessuna morosità va scaricata sui clienti finali. Basta oneri di sistema in bolletta”.

Il Comitato ha istituito un servizio legale per portare fino alla Corte di Giustizia Europea le delibere dell’Autorità perché queste delibere hanno l’effetto di impedire, restringere e falsare il gioco della concorrenza all’interno del mercato italiano . Condizione inadeguata a un paese che si pone sullo scenario internazionale come l’Italia.

E’ possibile firmare la petizione  per chiedere la modifica della legislazione che regola gli oneri di sistema in bolletta anche online, all’indirizzo

https://www.dirittosemplice.it/component/breezingforms/ff_name/raccoltafirme_bollette?view=form&ff_name=raccoltafirme_bollette&Itemid=143

di Assoutenti e Casa del Consumatore