, ,

Polizze dormienti: dal 15 giugno al via le domande per i rimborsi parziali

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha riaperto i termini per la presentazione delle domande di rimborso parziale delle polizze vita c.d. “dormienti” (7° avviso).

Prima però di vedere come presentare la domanda cerchiamo di capire che cosa sono le polizze dormienti e come scoprire se si è beneficiari di questo tipo di polizza.

Che cos’è una polizza “dormiente”

Si tratta di una polizza vita il cui capitale maturato non è stato liquidato per vari motivi: decesso del contraente/assicurato; non conoscenza di essere beneficiari di una polizza; scadenza della polizza, ecc..

Queste polizze non reclamate “dormono” nelle casse degli intermediari, (banche, compagnie di assicurazione, ecc.) e, se non vengono reclamate, dopo 10 anni, vengono trasferite dall’intermediario al Fondo Rapporti Dormienti, presso la Consap, la concessionaria dei Servizi Assicurativi Pubblici, che lo gestisce. Se trascorsi altri 10 anni, nessuno ne reclama il premio, vengono prescritte e non se ne può più chiedere conto. 

Come sapere se si è beneficiari di una polizza vita?

Due sono le vie da seguire:

  1. rivolgersi al Servizio Ricerca Polizze Vita dell’ANIA, l’Associazione nazionale delle imprese di assicurazione. Oltre a fornire il nome della persona che si ritiene possa essere intestataria della polizza, è bene formulare tante richieste per quanti sono gli ipotetici beneficiari. Ad esempio, nel caso del decesso di un familiare padre di due figli, oltre alla moglie è bene presentare una richiesta di ricerca anche a nome di ciascun figlio
  2. rivolgersi all’intermediario assicurativo (banca o impresa di assicurazione) di cui si serviva il familiare chiedendo informazioni sull’esistenza di una polizza a suo nome e i nomi degli eventuali beneficiari. Scarica il Modulo di richiesta

Per entrare in possesso delle somme giacenti presso il Fondo, gli aventi diritto devono presentare una domanda di rimborso parziale. Vediamo come procedere alla luce del 7° avviso emanato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

A quanto ammonta il rimborso

  • Il rimborso arriva fino ad un massimo del 50% del valore della polizza.

Quali polizze sono rimborsabili

  • Sono rimborsabili le polizze il cui diritto alla riscossione è maturato dopo il 1° gennaio 2006 e la cui prescrizione sia avvenuta prima del 1° gennaio 2012.

Quando presentare la domanda di rimborso

  • Le domande possono essere presentate a partire dal 15 giugno 2020 fino al 15 settembre 2020.

Dove presentare la domanda

 

Per ulteriori info, si può scrivere una mail all’indirizzo: polizzedormienti@consap.it

, , ,

Stop al pagamento dei premi assicurativi per la zona rossa: siglato il protocollo tra ANIA e i consumatori

E’ stato firmato questa mattina presso la sede di Adiconsum in Piazza Campetto, 1, il protocollo tra Ania – Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici e le associazioni liguri dei consumatori: un accordo che giunge dopo l’incontro del novembre scorso a Genova tra IVASS, ANIA e AACC finalizzato ad affrontare le problematiche assicurative dei cittadini colpiti dal crollo di Ponte Morandi.

“Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto con questo protocollo” spiegano Stefano Salvetti, Presidente del Coordinamento Ligure Consumatori Utenti e di Adiconsum e Rosanna Stifano, Presidente Assoutenti Genova. “Avendo constatato il grave disagio economico arrecato alle famiglie e alle attività economico-produttive dal crollo del ponte, ANIA ha deciso di adottare misure straordinarie per agevolare i soggetti coinvolti”.

Gli accordi previsti dal protocollo riguarderanno i residenti o aventi proprio domicilio o sede in “zona rossa”, oltre che gli abitanti temporaneamente sfollati, muniti di certificazione rilasciata dal Comune di Genova. ANIA inviterà le imprese assicuratrici associate all’adozione delle seguenti misure:
– proroga dei termini per il pagamento dei premi o rate di premio di tutte le polizze in essere, con continuità della copertura e pagamento dell’eventuale sinistro al netto dei premi sospesi, nel caso in cui l’assicurato coincida con il soggetto che ha subito il danno (in sintesi, l’assicurato sospende il pagamento del premio ma mantiene la copertura), fatto salvo il possibile scioglimento del contratto per l’eventuale alienazione delle cose assicurate o l’eventuale cessazione del rischio a causa dello sgombero dell’immobile o l’eventuale sospensione della copertura r.c. auto per l’impossibilità di usare il veicolo;
– in caso di sospensione del pagamento delle rate di mutuo, l’abbinata polizza assicurativa sulla vita verrà gratuitamente estesa fino alla nuova scadenza del mutuo;
– in caso di mutui estinti, verrà restituita agli assicurati la quota di premio sulle polizze abbinate versata e non goduta, calcolata a partire dal 14 agosto 2018;
– sospensione delle azioni volte al recupero crediti;
– rinuncia a far valere le prescrizioni e le decadenze maturate successivamente al crollo del ponte.

ANIA inviterà inoltre le imprese associate ad adottare, a favore dei soggetti destinatari di queste misure, eventuali ulteriori misure per l’accesso agevolato a nuovi servizi assicurativi.

Le misure avranno effetto fino al 15 agosto 2019.

Le associazioni dei consumatori si impegnano a collaborare con ANIA per la piena attuazione di quanto concordato e ad affrontare insieme eventuali future criticità legate al crollo di Ponte Morandi.

, ,

Libertà di scelta del carrozziere di fiducia – Assoutenti in Trentino per difendere i Consumatori

Assoutenti ancora al fianco della Federazione dei Carrozzieri nella battaglia contro il monopolio delle grandi lobby delle compagnie di assicurazione.
Questa volta l’impegno di chi difende i diritti dei Consumatori è salito sino a quota 1500 metri, in Trentino, alla Baita Monte Pat, sul Monte Vernera-Motesover, nel Comune di Sover (TN) e lo ha fatto per ribadire la propria convinzione sulla necessità di difendere la libertà di scelta degli automobilisti vittima di incidenti e che desiderano far riparare la propria auto presso il proprio carrozziere di fiducia.
Una battaglia che muove da anni sotto lo slogan “Liberi di scegliere” che è risuonato come un richiamo alpino per tutta la durata dell’incontro-convegno.
L’evento è stato organizzato dalle carrozzerie trentine rappresentate da Tullio Tessadri e dal presidente nazionale di FederCarrozzieri, Davide Galli con la partecipazione di Assoutenti. Continua a leggere

,

Polizze vita “dormienti”: arrivano nuovi rimborsi

Lega Consumatori Liguria segnala che a seguito della recente decisione del Ministero dello Sviluppo Economico, dal 23 febbraio sino all’ 8 aprile 2016 è possibile presentare alla Concessionaria servizi assicurativi pubblici- Consap Spa-la richiesta di rimborso parziale delle polizze dormienti che sono andate in prescrizione prima del 1° aprile 2010 ed ottenere quindi il frutto dei propri risparmi o di quelli dei familiari defunti.

Come evidenziano Cristina Cafferata ed Alberto Martorelli, rispettivamente Presidente e Vice Presidente Regionale di Lega Consumatori Liguria, “parliamo delle cosiddette polizze dormienti, i cui soldi sono appunto stati trasferiti al Fondo dormienti, e che ora è possibile “risvegliare” seguendo un’apposita procedura, a seguito della riapertura dei termini”.

Nel dettaglio, si può richiedere il rimborso delle polizze dormienti con queste caratteristiche:

-l’evento (es.: morte dell’assicurato) o la scadenza della polizza che determinano il diritto a riscuotere il capitale assicurato, sono avvenuti dopo il 1° gennaio 2006;

-la prescrizione di tale diritto deve essere avvenuta prima del 1° aprile 2010;
la compagnia di assicurazione o la banca (l’intermediario) che ha venduto la polizza non ha liquidato il capitale perché la polizza era prescritta e già trasferita al Fondo rapporti dormienti;

-Il beneficiario non ha già avuto alcun rimborso anche parziale dalle precedenti iniziative.

Per prima cosa occorre chiedere alla compagnia assicurativa l’attestazione in cui dichiara di aver devoluto la polizza al Fondo dormienti; quindi è necessario inviare la domanda, preferibilmente mediante raccomandata a.r.,presente sul sito internet della Consap in cui sono illustratenell’Avviso di rimborsabilità le indicazioni per riscuotere la polizza, quali documenti allegare ed i chiarimenti su come si stabilisce il rimborso parziale (fino ad un massimo del 70%) dell’ importo della polizza.

Per sapere se la richiesta è andata a buon fine bisognerà aspettare la fine di novembre 2016quando il Ministero indicherà chi avrà diritto al pagamento (che avverrà entro la fine di gennaio 2017).

Il Ministero dello Sviluppo economico ha stanziato 3,5 milioni di eurodestinati ai rimborsi. Se la domanda sarà accolta, però,verrà pagato solo il 70% dell’importo della polizza; in aggiunta, se le richieste saranno superiori alle risorse disponibili, si procederà a un rimborso parziale anche della quotadel 70%.

Come sottolineano Cafferata e Martorelli, è dunque fondamentale che i cittadini interessati provvedano a presentare la domanda entro e non oltre l’ 8 aprile 2016 e proprio per questoLega Consumatori Liguria invita quindi gli utenti anzitutto a verificare se si è intestatari o beneficiari di una polizza vita oggetto del provvedimento in questione; quindi per avere informazioni, assistenza e ritirare il modulo finalizzato alla richiesta di rimborso, è possibile rivolgersi agli sportelli di Lega Consumatori presenti in Liguria (Tel. 010/2530640).