Articoli

,

PlasTiPremia arriva al Porto Antico, nel cuore del Centro Storico

Prosegue senza tregua la diffusione dei punti Plastipremia lungo tutta la città di Genova

Novità nel Centro Storico.

A 16 mesi dall’installazione della prima macchina “mangiaplastica”, promossa dall’Istituto Ligure per il Consumo insieme ad Amiu nel corso del Salone degli Orientamenti nel Novembre 2019,  è stato inaugurato questa mattina il primo punto PlasTiPremia presente nel Centro Storico genovese. Un risultato che porta il numero totale degli eco-compattatori a 13 e consolida la leadership di Genova come prima città italiana per il recupero qualificato della plastica.

Tuttavia le novità non finiscono qui! A differenza degli altri punti già installati, infatti, quest’ultimo offre anche la possibilità di raccogliere lattine di alluminio, grazie alla collaborazione stabilita con Cial-Consorzio imballaggi alluminio.

Molto soddisfatti per i risultati raggiunti con questa nuova tecnologia Furio Truzzi, Presidente di ILC e di Assoutenti, e il Vicepresidente di ILC e Presidente di Adoc  Emanuele Guastavino: “Il progetto PlasTiPremia è vincente sia per la capacità di attrazione dei cittadini che non vivono il corretto conferimento solo come un obbligo civile, sia per il network creatosi tra Regione Liguria, Comune di Genova, Amiu e Associazione dei Consumatori”.

Un messaggio carico di orgoglio per i progressi fatti, dunque, che è stato lanciato alla presenza di molte autorità genovesi, tra cui gli Assessori Comunali all’Ambiente e al Centro Storico Campora e Bordilli, il Presidente del Municipio Centro Est, il Presidente di Amiu, la responsabile della comunicazione del COREPLA e molti altri ancora.

L’altissimo numero del materiale raccolto in questi primi mesi, dimostra come il conferimento della plastica con il metodo PlasTiPremia si stia affermando come un’abitudine, una buona pratica apprezzata dai genovesi, grazie anche al sistema premiante che aumenta la responsabilità sociale e la sensibilità nei confronti della raccolta differenziata.

Come funziona?

Per prima cosa si inserisce la tessera sanitaria e si aspetta che il lettore la riconosca (a seguito del riconoscimento viene emesso un segnale acustico), una volta fatto ciò si potrà inserire sia la plastica (bottiglie anche da mezzo litro e flaconi per detersivi, shampoo, balsamo ecc.), rigorosamente senza tappo, sia le lattine di alluminio.

Ogni bottiglia, flacone, lattina (esclusivamente presso il Porto Antico) equivale ad un punto…e PlasTiPremia due volte! Con almeno 30 punti, infatti, si avrà diritto ad un coupon di sconto nei negozi convenzionati e, contemporaneamente, gli stessi punti varranno per biglietti bus, noleggio Mimoto, gadget Corepla, ecc.

I commenti di Truzzi e Guastavino

L’esercito green avanza e, come speravamo, dievnta sempre più numeroso e forte. In tantissimi tra aziende e negozi stanno aderendo a questa iniziativa ma i margini di crescita sono ancora estremamente ampi. Stiamo ormai convincendo sempre più persone ad un modello di economia circolare e i consumatori si pongono sempre più al centro di questo cambiamento epocale.”

, ,

12 nuovi eco compattatori a Genova: in una settimana oltre 18.000 bottiglie raccolte e 600 Kg di plastica tolta al mare

, ,

Differenziata porta a porta, associazioni verso la firma del protocollo con Amiu

Sta per terminare il conto alla rovescia che vedrà l’entrata definitiva del nuovo sistema di differenziata nelle case dei genovesi. Partita da Colle degli Ometti, dal 1° luglio la raccolta sbarcherà anche a Quarto Alta, con la sparizione dei bidoni stradali e un sottofondo di proteste sempre più insistente. Il sistema porta a porta fa discutere eccome: le prime rimostranze erano partite lo scorso dicembre da Marassi, dove Assoutenti, insieme al comitato spontaneo che si era costituito nel quartiere, aveva raccolto centinaia di firme per passare alla raccolta con il sacchetto anzichè con il “mastello” o per lo meno convincere il Comune ed Amiu a venire incontro alle richieste dei cittadini, obiettivo che alla fine è stato raggiunto, tanto che in quel quartiere tutto verrà discusso a tempo debito. Continua a leggere

, ,

Differenziata a Quarto Alta, Amiu accetta il rinvio: ora parlano i cittadini!

Il “Comitato raccolta differenziata Quarto Alta e Colle degli Ometti”, Assoutenti, Lega Consumatori e le altre associazioni dei consumatori, anche grazie alle sollecitazioni del Municipio e dei suoi consiglieri, sono riusciti ad ottenere da Amiu il rinvio delle nuove modalità di raccolta differenziata, richiesto durante l’assemblea del quartiere dello scorso 22 giugno. Continua a leggere