Articoli

, ,

Genova: al via concorso per studenti “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Domani alle ore 11.00 conferenza stampa presso l’Istituto Agrario “Bernardo Marsano” di Genova

Assoutenti, presidi e scuole si uniscono per insegnare ai giovani l’importanza del riciclo e il consumo consapevole.

Parte da Genova un concorso nazionale dedicato agli studenti che vedrà uniti presidi, scuole e consumatori. Una iniziativa che si prefigge lo scopo di spiegare ai giovani l’importanza del riciclo e del consumo consapevole e promuovere migliori abitudini alimentari.

Il concorso, dal titolo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, è realizzato da Assoutenti e Associazione Nazionale Presidi (ANP) in stretta collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria e l’Istituto Ligure per il Consumo, e vedrà coinvolti gli allievi delle classi terze e quarte degli Istituti Secondari di II grado di tutto il territorio Nazionale.

La finalità del concorso è quella di valorizzare la pratica del riuso e dell’economia circolare attraverso la realizzazione di un artefatto composto con materiali da riciclo oppure di una video-ricetta gastronomica di “cucina degli avanzi” utilizzando alimenti di recupero.

“E’ fondamentale partire dalle scuole per approfondire le tematiche ambientali e diffondere e promuovere nuovi modelli comportamentali sulle sane abitudini alimentari tra la popolazione, con maggiore attenzione ai giovani, soprattutto studenti – spiega Assoutenti – Partiamo da Genova per dare il via a processi formativi diretti a sensibilizzare i giovani sui temi dell’energia rinnovabile, dell’economia circolare, dello sviluppo sostenibile ma anche della produzione biologica a Km 0, dell’educazione e della sicurezza alimentare e del consumo sostenibile”.

La conferenza stampa di presentazione del Concorso Nazionale “Nutrire il pianeta, energia per la vita” (istituito in memoria della Prof.ssa Gaetana Anna Feniello prematuramente scomparsa e già Dirigente del Liceo “P. Gobetti” e dell’Istituto Agrario “B. Marsano” di Genova fino all’anno 2016) si terrà Martedì 24 Maggio alle ore 11.00 Presso l’Istituto Agrario ‘Bernardo Marsano’ – Via alla Scuola di Agricoltura, 9 – Genova.

Nel corso dell’incontro, Andrea Cresta, Vicepreside dell’Istituto alberghiero ‘N. Bergese’, presenterà alcuni esempi di ‘cucina degli avanzi’, inoltre saranno preparati dai ragazzi dell’Istituto aperitivi agli aromi liguri, miscelando opportunamente sapori e saperi con attenzione alla sostenibilità, tra i quali l’ormai classico ‘Bergesotto’, l’aperitivo a base del Vermouth realizzato per i trent’anni dell’Istituto e l’innovativo ‘Corniglianito’, che con la stessa base, si propone anche come dissetante ai profumi della nostra regione.

, , ,

Continua la collaborazione tra Istituzioni, AMIU ed ILC: insieme fino al 31 Dicembre 2021 per favorire l’incremento di comportamenti sostenibili e garantire servizi sempre più vicini alle esigenze dei cittadini

Genova, 16 aprile 2021 – Presentata, nella Sala della Trasparenza della Regione Liguria, l’accordo di collaborazione tra AMIU Genova con “ILC Istituto Ligure per il Consumo”, per consolidare le attività di informazione alla cittadinanza e di monitoraggio  dell’associazione che nei propri fini ha anche quello di incentivare i cittadini a porre maggiore attenzione alla raccolta differenziata e a migliorarne gli standard di qualità.

All’evento di presentazione dell’accordo – che avrà durata sino al 31 dicembre 2021 – erano presenti Simona Ferro, Assessore Cittadinanza responsabile e Tutela dei consumatori Regione Liguria; Matteo Campora, Assessore Ambiente Comune di Genova; il presidente AMIU Genova Pietro Pongiglione e in rappresentanza dell’Istituto Ligure per il Consumo, il Presidente Furio Truzzi.

L’Istituto Ligure per il Consumo ha da sempre annoverato tra le sue attività fondamentali la promozione di iniziative ambientali come la prevenzione dei rifiuti, l’economia circolare e la riduzione degli sprechi.

Il servizio di monitoraggio viene svolto da uno staff di 30 informatori ambientali, volontari appositamente formati da un corso realizzato su più moduli: la normativa rifiuti, prevenzione e riduzione, gli imballaggi, le filiere, i sistemi di raccolta, i sistemi impiantistici, i prodotti del riciclo, la comunicazione e la sicurezza; a questo si aggiungono attività legate alla valutazione dei servizi resi da AMIU, legate alla raccolta differenziata e al riciclo, all’utenza nel Comune di Genova e da incrementare ulteriormente su tutto il territorio del bacino del Genovesato.

Tutti i risultati delle attività di monitoraggio dei servizi, dovranno essere condivisi con Città Metropolitana all’atto di presentazione del Piano delle Attività per l’anno successivo alla rilevazione.

AMIU Genova e ILC sono stati uno dei promotori del progetto Plastipremia, con l’installazione di eco-compattatori in piazze cittadine – che nel 2021 sono diventati 13 – per la raccolta di bottiglie e flaconi in plastica e, in un caso, delle lattine di alluminio, coinvolgendo i cittadini tramite sconti e premialità legate alla sostenibilità.

Gli informatori nel corso del 2021 hanno svolto attività di presidio degli eco-compattatori spiegando ai cittadini il loro funzionamento evitando così comportamenti impropri e criticità nel recupero del materiale.

«Il nostro impegno – dichiara Pietro Pongiglione, Presidente AMIU Genova – è di orientarci e porre sempre più attenzione a ciò che i cittadini, nel doppio ruolo di utenti e consumatori, percepiscono della nostra gestione del ciclo dei rifiuti. Accordi di questo tipo sono utili e funzionali ad una diffusione sempre più capillare ed efficace della cultura ambientale che sia realizza anche attraverso processi rispettosi dell’ambiente e all’insegna della sostenibilità».

Continua Matteo Campora, Assessore comunale del capoluogo ligure all’Ambiente: «Gli aspetti legati al miglioramento della raccolta differenziata sono di primaria importanza e sono strettamente legati alla comunicazione e al coinvolgimento nell’azione civica dei cittadini. Quindi non possiamo che vedere positivamente tutte le idee e i progetti che aiutino a diffondere con percorsi concreti la diffusione tra le famiglie una “cultura del consumo sostenibile” nelle scelte quotidiane ».

«Sono entusiasta di “PlasTiPremia” – aggiunge l’assessore alla tutela dei consumatori ed agli stili di vita consapevoli di Regione Liguria Simona Ferro –un progetto utile che porta vantaggio all’ambiente ed anche ai genovesi. Con il semplice gesto di portare la plastica nei 13 eco-compattatori aumentiamo il livello di raccolta differenziata e contemporaneamente aiutiamo cittadini ed imprese in un momento così delicato come quello che stiamo vivendo attraverso i coupon che sono variegati e toccano diverse categorie commerciali. Ho personalmente testato l’utilizzo della macchina ed è davvero semplice ed intuitivo e mi auguro che si possa, a breve, ampliare l’offerta di coupon, magari estendendo a settori in crisi come lo sport e la cultura ed ai luoghi di posizionamento di queste strutture».

Conclude, infine, Furio Truzzi, Presidente Istituto Ligure del Consumo:«‘PlasTiPremia’ è un importante esempio di economia circolare che trae origine dalla volontà comune di cooperare insieme alle Istituzioni nell’ambito del Progetto “Dal Solco al Sole”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e promosso da Regione Liguria. Per questo motivo esprimiamo profonda gratitudine nei confronti di AMIU e del Comune di Genova per essere stati, insieme a noi e alla Regione, i promotori di questo progetto ed averci consentito di svilupparlo. Il gradimento enorme manifestato dai cittadini dimostra che siamo sulla strada giusta».

,

PlasTiPremia arriva al Porto Antico, nel cuore del Centro Storico

Prosegue senza tregua la diffusione dei punti Plastipremia lungo tutta la città di Genova

Novità nel Centro Storico.

A 16 mesi dall’installazione della prima macchina “mangiaplastica”, promossa dall’Istituto Ligure per il Consumo insieme ad Amiu nel corso del Salone degli Orientamenti nel Novembre 2019,  è stato inaugurato questa mattina il primo punto PlasTiPremia presente nel Centro Storico genovese. Un risultato che porta il numero totale degli eco-compattatori a 13 e consolida la leadership di Genova come prima città italiana per il recupero qualificato della plastica.

Tuttavia le novità non finiscono qui! A differenza degli altri punti già installati, infatti, quest’ultimo offre anche la possibilità di raccogliere lattine di alluminio, grazie alla collaborazione stabilita con Cial-Consorzio imballaggi alluminio.

Molto soddisfatti per i risultati raggiunti con questa nuova tecnologia Furio Truzzi, Presidente di ILC e di Assoutenti, e il Vicepresidente di ILC e Presidente di Adoc  Emanuele Guastavino: “Il progetto PlasTiPremia è vincente sia per la capacità di attrazione dei cittadini che non vivono il corretto conferimento solo come un obbligo civile, sia per il network creatosi tra Regione Liguria, Comune di Genova, Amiu e Associazione dei Consumatori”.

Un messaggio carico di orgoglio per i progressi fatti, dunque, che è stato lanciato alla presenza di molte autorità genovesi, tra cui gli Assessori Comunali all’Ambiente e al Centro Storico Campora e Bordilli, il Presidente del Municipio Centro Est, il Presidente di Amiu, la responsabile della comunicazione del COREPLA e molti altri ancora.

L’altissimo numero del materiale raccolto in questi primi mesi, dimostra come il conferimento della plastica con il metodo PlasTiPremia si stia affermando come un’abitudine, una buona pratica apprezzata dai genovesi, grazie anche al sistema premiante che aumenta la responsabilità sociale e la sensibilità nei confronti della raccolta differenziata.

Come funziona?

Per prima cosa si inserisce la tessera sanitaria e si aspetta che il lettore la riconosca (a seguito del riconoscimento viene emesso un segnale acustico), una volta fatto ciò si potrà inserire sia la plastica (bottiglie anche da mezzo litro e flaconi per detersivi, shampoo, balsamo ecc.), rigorosamente senza tappo, sia le lattine di alluminio.

Ogni bottiglia, flacone, lattina (esclusivamente presso il Porto Antico) equivale ad un punto…e PlasTiPremia due volte! Con almeno 30 punti, infatti, si avrà diritto ad un coupon di sconto nei negozi convenzionati e, contemporaneamente, gli stessi punti varranno per biglietti bus, noleggio Mimoto, gadget Corepla, ecc.

I commenti di Truzzi e Guastavino

L’esercito green avanza e, come speravamo, dievnta sempre più numeroso e forte. In tantissimi tra aziende e negozi stanno aderendo a questa iniziativa ma i margini di crescita sono ancora estremamente ampi. Stiamo ormai convincendo sempre più persone ad un modello di economia circolare e i consumatori si pongono sempre più al centro di questo cambiamento epocale.”

, , ,

12 nuovi eco compattatori a Genova: in una settimana oltre 18.000 bottiglie raccolte e 600 Kg di plastica tolta al mare

, ,

Differenziata porta a porta, associazioni verso la firma del protocollo con Amiu

Sta per terminare il conto alla rovescia che vedrà l’entrata definitiva del nuovo sistema di differenziata nelle case dei genovesi. Partita da Colle degli Ometti, dal 1° luglio la raccolta sbarcherà anche a Quarto Alta, con la sparizione dei bidoni stradali e un sottofondo di proteste sempre più insistente. Il sistema porta a porta fa discutere eccome: le prime rimostranze erano partite lo scorso dicembre da Marassi, dove Assoutenti, insieme al comitato spontaneo che si era costituito nel quartiere, aveva raccolto centinaia di firme per passare alla raccolta con il sacchetto anzichè con il “mastello” o per lo meno convincere il Comune ed Amiu a venire incontro alle richieste dei cittadini, obiettivo che alla fine è stato raggiunto, tanto che in quel quartiere tutto verrà discusso a tempo debito. Continua a leggere

, ,

Differenziata a Quarto Alta, Amiu accetta il rinvio: ora parlano i cittadini!

Il “Comitato raccolta differenziata Quarto Alta e Colle degli Ometti”, Assoutenti, Lega Consumatori e le altre associazioni dei consumatori, anche grazie alle sollecitazioni del Municipio e dei suoi consiglieri, sono riusciti ad ottenere da Amiu il rinvio delle nuove modalità di raccolta differenziata, richiesto durante l’assemblea del quartiere dello scorso 22 giugno. Continua a leggere